Category Archives: salato

laugenbrot

A volte ritornano

Che ci crediate o no, ho adempito a tutti i miei obblighi scolastici e sono finalmente tornata a scrivere sul blog, per la gioia dei miei follower (ciao, mamma!) e di me stessa, nuovamente libera di raccontarvi ciò che cucino.

Ma passiamo alle cose serie: mi è stata passata una ricetta molto soddisfacente e incredibilmente semplice per dei panini particolari, di origine austriaco-sudtirolese. L’unico piccolo difetto che hanno è che vanno consumati il giorno stesso della preparazione, poiché il giorno seguente risultano piuttosto secchi; per ovviare il problema si può congelare ogni singola pagnottella (già lievitata e bollita) e cuocerla all’occorrenza. Ad ogni modo, non mi è ancora capitato di doverlo fare: i piccoli laugenbrot non sono mai resistiti fino al giorno seguente.

La ricetta l’ho presa passo passo da Zonzolando, senza apportare alcuna modifica…cavallo vincente non si cambia!

 

**english text**

Believe it or not, I’ve fulfilled all my scholastic duties and finally I can write here again, to the delight of my followers (hello, mom!) and of myself, always happy to tell you what I’m cooking.

But let’s get down to business: I’ve received a very satisfying and incredibly simple recipe for some peculiar buns, typical of Austria and South Tyrol. The only flaw they have is that they have to be eaten the same day they’re cooked, because the next day they become quite stiff; to fix the problem you can freeze them (raised and boiled) and bake them when you prefer. Anyway, I never resorted to this, as poor laugenbrot never made it to the next day.

I took the entire recipe from Zonzolando, without changing anything: If it ain’t broke, don’t fix it!

Laugenbrot

For the dough:
270 ml warm water
40 g butter
25 g fresh yeast
10 g salt
300 g “00″ flour
200 g “0″ flour
50 g sesame and/or poppy seeds

For the solution:
2 l water
16 tsp baking soda
3 tsp salt

In a small bowl, dissolve the yeast into half of the water, add sugar and three tbsp of flour. Whisk and set aside for 15 minutes. Sift the two flours, add butter and the content of the bowl. Knead a while, then add salt and the rest of the water and knead for 10-15 minutes to obtain a smooth dough. Cover and set aside to rise for an hour at least.
Divide the dough into 18 pieces, let them rise 20 minutes more; meanwhile, boil the solution of water, baking soda and salt. Immerse the buns (three or four at a time) for 30 seconds, then dispose them on a lined baking tray. Sprinkle them with sesame/poppy seeds and coarse salt, make a cut on every single bun and bake them at 200-210° C for15-20 minutes, until brown.

 

foto_buona

torta_romanesco_picc

cavoli a merenda

Da questa settimana ho iniziato una collaborazione interessante con la conca d’oro, una fattoria sociale sita sulle colline di Bassano del Grappa, dove abito io. I ragazzi di questa cooperativa coltivano nel rispetto dell’agricoltura biologica, e mi hanno chiesto di disegnare alcune ricette utilizzando la frutta e la verdura di stagione che loro producono in questo periodo. Tra le varie prelibatezze autunnali (rape rosse, zucca, broccolo verde, kiwi, limoni, arance…) ho scelto il broccolo romanesco, sia per il gusto delicato che per le forme curiose.
Di solito lo cucino con la pasta (acciughe, pinoli, uvetta, romanesco…et voilà!) ma questa volta ho voluto impegnarmi un po’ di più e farne una torta salata per cena. È stata molto apprezzata,  è una preparazione veloce e semplice ma di grande effetto!

**english text**

This week I’ve started an interesting collaboration with conca d’oro, a social farm located on the hills of Bassano del Grappa, where I live. The guys of this cooperative cultivate the soil following the principles of organic agriculture, and asked me to illustrate some recipes using seasonal fruit and vegetables they are producing. Among all their different fall delicacies (such as beets, pumpkin, broccoli, kiwi, lemons, oranges) I choose romanesco, for its delicate taste and curious shapes. I usually cook it with pasta (anchovies, pine nuts, raisins, romanesco…et voilà!) but this time I wanted to apply myself a little more, baking a savory pie for dinner. It was a success, it is a very easy and quick recipe but has very impressive results!

Romanesco savory pie
For the crust (pâte brisée):
200g flour
80 g butter
1/ glass water
1 pinch of salt

For the filling:
1 romanesco
200 g stracchino or soft cheese
1 egg
2-3 anchovies
1 garlic clove
salt, pepper, olive oil

First of all, let’s make the dough. sift the flour and chop the butter into small chunks, then knead with your finger adding water (it doesn’t always take all the water, just use it until the dough is soft and smooth). Knead on a wooden surface for 10-15 minutes and then set aside in the fridge for 30 minutes.

Chop the romanesco, discarding leaves and the white stiff parts, then cook it in boiling water for 20 minutes (in microwave or pressure cooker it takes just 10 minutes). In a pan, heat some olive oil and put the garlic clove. Cook for a minute, then pour in the anchovies, cook for another two minutes and add the romanesco. Add salt and pepper, then cook for 5-10 minutes.

In a bowl, whisk cheese and the egg, then add the cooked romanesco (let it cool before adding it to the cheese mixture). Line a cake pan with 3/4 of the dough, then pour in the filling and cover with dough stripes such as in the picture. Cook the pie for 45-65 minutes at 180°C, until golden (check the bottom: it has to be well cooked!). Let it cool before serving.

foto_t_r_1_picc

 

tortino_funghi_fin

Ricominciamo?

Prefazione:
A volte ritornano, e io pure ci provo.
Vorrei ricominciare dopo un’estate burrascosa e vacanziera, e iniziare con un appuntamento ricorrente (diciamo settimanale?) con le mie ricette. Inizio questo lunedì sperando di mantenere il ritmo, vedremo che si può fare!

Oggi parto con una ricetta che ho sperimentato lontano da qui, cucinata da altri. Per l’esattezza, è un piatto tipico ligure che ho mangiato in un posto speciale nella cittadina di Dolceacqua (che dovreste, dovreste visitare!).
Non sono riuscita ad ottenere lo stesso piatto che ho assaporato in quel piccolo angolo di mondo, ma di sicuro ogni volta che lo preparerò mi tornerà addosso la sensazione di calore familiare, di vacanza rilassata.

E qui sopra la ricetta!

** english text **

Preface:
Sometimes they come back, and I am trying, too.
I would like to restart after a long holiday summer, and to begin with a new appointment
(a weekly date?) with you and my recipes. I start this monday, hoping that I will hold on with
the rhythm! I hope so.

I am starting today with a recipe that I tasted far away from home, a recipe that someone
else cooked for me. To be exact, it is a typical Ligurian dish that I have eaten at a special
place, in a small town called Dolceacqua (that you should visit, yes you should!).
I haven’t been able to cook it exactly as they served it there, and my version tasted a little
different, but I am sure that every time I will cook this recipe I will go back to a lovely
sensation of familiar warmth, and holiday relax.

Here it is – the recipe!

Tortino ai funghi
600 g potatoes
400 g champignon mushrooms

25 g dried mushrooms (porcini will work fine)
1 clove of garlic
2 tsp parsley, chopped
butter
olive oil, salt and pepper

Let the dried porcini soak for 30  minutes, then rinse and drip-dry. Keep the water in which you soaked them and filter it in a saucepan. Add the (rinsed) dried porcini, a teaspoon of butter and cook over low heat for half an hour. Meanwhile, slice the potatoes (after you have rinsed them all) and the champignons.
In a buttered oven pan, arrange the sliced potatoes and the champignons layering them with the mushroom cream, and adding some minced garlic and parsley.
Sprinkle with olive oil and put in the oven; it should cook for 30 minutes at 200°C.
Serve hot, sprinkled with pepper and parmesan.

P.s. I’ve been very lucky, and I have tasted it after ligurian pesto tagliolini and frisceu di baccalà (ligurian codfish fritters). I highly recommend the combination!

casserole_web

Spring Casserole

Avere poco tempo libero è una pessima scusa per mangiare male.
Partendo da questo presupposto, spesso cerco di inventarmi cose nuove
per il pranzo o la cena, possibilmente veloci, magari sane, meglio se conservabili
per un paio di giorni.
Questa ricetta l’ho ereditata da alcune cene in famiglia, quando la primavera
ormai avanzata ci permetteva di stare in giardino e goderci il bel tempo.

Teglia Primaverile

5 patate
5 pomodori
1 cipolla rossa di tropea

Affetta le verdure in rondelle sottili, disponile su di una casseruola/teglia
da forno foderata di carta da forno o ben oliata. Condisci a piacere con olio, sale
e pepe. Se sei in vena, cospargi generosamente di parmigiano grattugiato.
Inforna per una mezzora a 180°C. Servi caldo o freddo.

To have little time is never an excuse to eat badly.
Starting from this idea, I often try to come up with something new for lunch
or dinner, possibly quick, maybe healthy, better if preservable for a day
(or two). I have inherited this recipe from some family dinners, when spring
let us staying in the garden and delight in the warm evening.

flan_carciofi

Quasi fuori stagione

È una giornata uggiosa, tipicamente novembrina. La cosa migliore che qualcuno può
fare, a quest’ora del pomeriggio, è pregustarsi un’ottima cena…qualcosa di diverso
dal solito, magari. Questa è una ricetta relativamente semplice, solo un po’ lunga da
realizzare. Avete tempo e fame? Servitevi!

Flan di carciofi

Ingredienti:
1 kg di carciofi freschi
50 cl di latte
80 g di burro
80 g di farina
1 uovo
1 limone
Formaggio parmigiano grattugiato
1 dado vegetale
Sale
Pepe

Pulite i carciofi, tagliate a pezzi i gambi e la testa in quattro. A mano a mano
che li tagli, mettili a bagno in acqua fredda con il succo del limone.
Fai lessare i carciofi in acqua bollente salata, finché gambi e teste
non saranno teneri. In ultimo, aggiungi un bicchiere di latte all’acqua.
Scola i carciofi e mettili sul fuoco con un po’ di burro, il dado e mezzo
bicchiere di latte. lasciate insaporire, salate e pepate.
Nel frattempo, prepara una besciamella con la farina, il burro e il latte
restanti, unisci il parmigiano e, una volta intiepidita, l’uovo.
Preriscalda il forno a 180°C.
Amalgama i carciofi alla besciamella, imburra degli stampini e infarinateli.
Versa il composto negli stampi e lascia in forno per una ventina di minuti.

-

It’s a rainy day, a typical November afternoon. The best thing someone can do
is to think about what to eat in the evening, something good…something different.
This is a quite simple recipe, just a bit long to prepare.
Do you have spare time and some hunger? Help yourself!

Artichoke flan

Ingredients:
1 kg of fresh artichokes
50 cl milk
80 g butter
80 g white flour
1 egg
1 lemon
Parmesan cheese, grated
1 vegetable bouillon
Salt
Pepper

Clean the artichokes, cut the head in four and the stalks in pieces.
put the cut artichokes in cold water with the lemon juice.
Cook the artichokes in boiling salted water, until heads and stalks will
become tender. At last, add a glass of milk in the water.
Drain the artichokes and put them in a pan with some butter, the bouillon
and half a glass of milk, cook and season. In the meantime, prepare
a béchamel sauce with the flour and the remaining butter and milk.
Add the parmesan and let it cool, then add the egg. Heat the oven to 180°C.
Add the artichokes to the béchamel, prepare the stamps and pour in the flan.
Put in the oven and cook for about 20 minutes.

Rincorrendo l’estate

Mia madre mi ha abituata, fin da piccola, all’amore per la verdura e,
in particolar modo, per le zuppe. Durante i mesi freddi non c’è giorno
che passi senza che lei prepari una crema calda per cena, e devo dire
che la cosa mi ha sempre dato una certa sensazione di sicurezza.

Mi direte voi: ora siamo a luglio, che ce lo dici a fare?
Beh, mia madre ha trovato la soluzione: da qualche parte ha scovato una
ricetta del gazpacho andaluz, e l’ha adattata fino a trovare la sua personale
versione. Ora che abito sola, d’estate la ripropongo spesso e volentieri.
Grazie a mamma Elena.


Gazpacho della Nena

5 pomodori ramati maturi
1 peperone, più uno per guarnire
1 cipolla rossa di tropea
1 cetriolo, per guarnire
Pane raffermo
2-3 spicchi di aglio
Una manciata di basilico fresco
sale, pepe, limone, olio

Metti sul fuoco una pentola d’acqua. Una volta che questa è giunta
a bollore spegni il fuoco, butta i pomodori e lasciali sbollentare per  circa
trenta, quaranta secondi. Non si devono cuocere! Scolali e passali sotto
l’acqua fredda: ora sono pronti per essere pelati velocemente. Pratica
un taglio a croce su ognuno uno dei pomodori e sbucciali.

pomodori croce

Taglia a pezzettoni i pomodori e mettili a riposare in una terrina con
aglio, sale, olio e pepe. Nel frattempo taglia a pezzetti la cipolla e
uno dei peperoni e, a parte, il cetriolo e il peperone per guarnire.
Taglia il pane raffermo a dadoni e passali in forno con un po’ di olio,
finché non saranno dorati. In alternativa, io li taglio a fette e li faccio
tostare tipo bruschetta (volendo si possono anche passare con dell’aglio).

pomodori+olio

Aggiungi la cipolla e il peperone ai pomodori riposati, togli gli spicchi
d’aglio (rimane il sapore ma si evitano tragedie durante il pasto), e con
un mixer frulla tutto, fino ad ottenere una crema liscia.

gazpachoAggiusta di sale, aggiungi uno spruzzo di limone e servi con la verdura
a pezzi e i crostini caldi. Per le serate calde è la soluzione ideale.

Pane alla birra

Un sogno che ho sempre avuto è quello di farmi il pane in casa.
Impastare, infornare e inondare la casa di profumi familiari e caldi,
sentirsi incredibilmente padrona di casa, scegliere la farina…
Il mio grande limite è la pazienza: pensare di impastare qualcosa
che avrei consumato ore ed ore dopo, attendere la lievitazione,
impastare fino a levare i grumi non sono cose per me.

Questa ricetta è la soluzione alle per le massaie che “non c’hanno
voglia”, altresì detta: la svolta. Ed è terribilmente buono.

Beer Bread
(adattata da Pastry Affair)
3 tazze di farina tipo 00
1 cucchiaio di bicarbonato di sodio
2 cucchiaini di sale
1/4 di tazza di zucchero
350 ml di birra chiara

 

pane spezzato

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Preriscalda il forno a 180°C e fodera una teglia con carta da forno.
In una terrina mescola la farina, il bicarbonato, il sale e lo zucchero.
Versa la birra incorporando il tutto, prima con una frusta e poi con le mani,
a formare una palla. Nelo caso risulti troppo appiccicosa, aggiungi un po’
di farina. Crea la quantità di pagnotte che preferisci (io sono arrivata a fare
quattro panini formato gita in montagna)

Cuoci per 40-45 minuti, o comunque finché il pane non supererà la prova
dello stuzzicadente (se una volta infilzatolo questi esce asciutto, è fatta).
Lascia raffreddare per 10 minuti e servi tiepido.
Goditi la sensazione di gioia.

Piccola nota sulla birra: la scelta della qualità è a discrezione del cuoco,
ad ogni modo una birra economica senza particolare sapore funge
perfettamente allo scopo, poiché non interferisce con il sapore del pane.
Di conseguenza, low cost è bello.

 

pane

Hummus, my way

L’hummus è il piatto perfetto: leggero, nutriente e, soprattutto, buono.
Ma buono davvero!
È una ricetta perfetta per il pranzo, decisamente guilt-free e adatto
a tutte le diete (celiaci, vegani, intolleranti al lattosio, fatevi avanti!).
Unico problema, i ceci: richiedono un preavviso di almeno una giornata
per essere cucinati a dovere, dovendo passare molte ore a bagno.
Ad ogni modo, nel caso la voglia sopraggiunga all’improvviso, si può
ottenere un discreto risultato dai ceci in scatola, meno gustosi ma
assolutamente dignitosi.

Io lo cucino spesso, e a poco a poco ho introdotto piccole aggiunte
e variazioni, fino a raggiungere il mio hummus. Ve lo presento, sperando
di avere gusti simili ai vostri. Bon appétit!

ceci

semi di sesamo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Hummus di Anna

2 manciate di ceci secchi
3-4 pomodori secchi (sott’olio o meno)
1 cucchiaio di semi di sesamo
1 cucchiaio di semi di coriandolo
1 piccolo porro
1 cucchiaio di succo di limone
3-4 cucchiai d’acqua
sale q.b.

ingredienti hummus

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I ceci sono la cosa più lunga da preparare. Dopo averli lasciati a bagno
per una notte, bisogna cuocerli per un paio d’ore, affinché siano morbidi
mantenendo la propria forma.
Ah, un cucchiaino di bicarbonato nell’acqua aiuta ad ammorbidire i legumi.

Taglia a rondelle il porro (solo la parte bianca e verde chiaro) e spezzetta
i pomodori secchi. Pesta grossolanamente i semi di coriandolo.

Una volta cotti, trasferisci i ceci in un contenitore con tutti gli ingredienti
e con un mixer a immersione trita il tutto fino a raggiungere una consistenza
cremosa, aggiungendo acqua nel caso il composto risulti troppo secco.
Servi con verdure crude, polpette, pane tostato, o qualsiasi cosa ti venga in mente.

P.S. In un impeto di primaverilità, oggi ho pranzato con hummus e insalata
di pomodoro con cavolfiore crudo, e mi ritengo largamente soddisfatta. TRY!

 

 

hummus